Nail Art: "Black&White"

by - luglio 14, 2011


Nel provare gli smalti Shatter by OPI (tipologia smalti: cracklé), la mia mente “contorta” ha scelto, per questa nail art, di “giocare” con il contrasto bianco/nero su base argento… perché?
Nonostante i colori degli “Shatter” siano molteplici ed innovativi (v. foto)…

shatter-opi-2a

… io ritengo che i colori Nero-Bianco-Argento rappresentino il Trio dell’Eleganza… e gli smalti Opi, per me, sono simbolo di “Eleganza”.

opi-shatter-nail-art-3

 Da tempo volevo creare una nail artBlack & White” e credo che la ripeterò in futuro con smalti “classici”… mettendo, così, a confronto i 2 effetti finali (con e senza “lesioni” nello smalto).

opi-shatter-nail-art-4

Ultimamente preferisco testare gli smalti (o meglio, più che testarli, sarebbe corretto scrivere “scoprirli”) direttamente attraverso la Nail Artriuscendo, in tal modo, a valutarne meglio tutte le potenzialità.

Vi lascio, per ora, alle foto della nail art “Black & White”… con la promessa che, molto presto, pubblicherò anche la recensione degli Shatter by Opi con cui voglio “giocare” ancora un po’.

opi-shatter-nail-art-31

Materiale impiegato per questa Nail Art:
  • base protettiva: Pupa Base Attiva Crescita (una delle migliori basi che io abbia fino ad ora provato);
  • smalti: OPI DS Radiance (colore di base argento, recensito qui); 
               OPI White Shatter;
               OPI Black Shatter;
  • top coat: OPI DS Top Coat (di cui vi parlerò prossimamente… mi ha sorpresa molto in positivo… leggero… si stende con una pennellata… e dopo 9 giorni la nail art è ancora intatta, leggermente sbiadita solo sul  bordo del mignolo).
Decorazioni impiegate:
  • brillantini color ghiaccio;
  • striping argentato.
 opi-shatter-nail-art-5 

opi-shatter-nail-art-6 

opi-shatter-nail-art-10


opi-shatter-nail-art-8a


opi-shatter-nail-art-9


opi-shatter-nail-art-16
opi-shatter-nail-art-18


opi-shatter-nail-art-17


opi-shatter-nail-art-21
  

opi-shatter-nail-art-19


opi-shatter-nail-art-20 

opi-shatter-nail-art-22


S’intona anche alla mia “Nera” direi…

opi-shatter-nail-art-23


E luccichio fu… alla luce del sole! WOW!
 opi-shatter-nail-art-25


opi-shatter-nail-art-26


opi-shatter-nail-art-27


opi-shatter-nail-art-28


opi-shatter-nail-art-29


E come in una foto di altri tempi…

opi-shatter-nail-art-30


NOTA sulle decorazioni usate:
a volte capita che, passando il top coat sui brillantini, questi diventino “opachi”… non ho ben capito ancora se l’arcano sia nel top coat o nei brillantini di pessima qualità… comunque, in questo caso, non mi è successo. I brillantini con ben 2 passate di Top Coat Opi DS hanno conservato la loro lucentezza.

Cos’è lo striping? E’ una strisciolina, in diversi colori, molto stretta e adesiva (per questa nail art ho scelto lo striping argentato). Non è facile posizionarlo sull’unghia, è preferibile aiutarsi con una pinzetta. Pur essendo adesivo… tende a staccarsi, nonostante lo si ricopra con il top coat trasparente; ho notato che lì dove ho usato una striscia di lunghezza maggiore (unghie indice – anulare) non mi ha dato problemi… lì, invece, dove ho usato striscioline più corte (pollice – medio) è saltato via. A me piace molto come decoro… però, per chi volesse usarlo, si armi di pazienza… pronta a sostituirlo appena inizia a staccarsi. Il prezzo è modesto, la quantità abbondante, per quanto mi riguarda lo striping è approvato! :)


NOTA PERSONALE POST-CONTEST OPI ITALIA:
Ok ora dico la mia a proposito del Concorso… scrivere un post “a parte” a riguardo… significherebbe dare troppa importanza a cose “ascoltate” qui e lì e non mi va. 

Per un mesetto circa, mi sono “rifiutata” di leggere i commenti sul responso del Contest organizzato per noi blogger da OPI Italia… ma il web è “piccolo e la gente mormora”… e i commenti arrivano comunque attraverso il “passaparola”. Non sono sprovveduta… se mi si viene riportato qualcosa che non mi piace… io mi accerto che sia tutto vero e purtroppo lo era.

Dopo aver letto i “primi” commenti post-premiazione (che mi hanno spinta a non leggere altro a riguardo)… commenti che consistevano in gravi illazioni verso l’organizzazione e verso la serietà delle blogger vincitrici (la cui preparazione è indubbia… perché è la “Storia del Blog” a parlare per loro)… mi è stato poi riferito che qualche essere “pensante” (?)  ha affermato che io avrei tutto studiato “a tavolino”… sia il ritiro sia il successivo ritorno alla fine del contest, in modo da leggere tutte le review e poi scrivere la mia. 
Non per vantarmi, ma le hanno lette le mie review su questo blog? Vi sembro il tipo che va scopiazzando torno torno? Io, che già di mio scrivo "enciclopedie"  (come le ha definite Astasia) impiegando intere settimane per l'elaborazione di un singolo articolo, ho bisogno di copiare? Non credo proprio e lo scrivo con un sorriso "compassionevole". :)

Allora, non sono un avvocato per fortuna di chi ha affermato una cosa del genere… e non dico di più, perché chi afferma una tale assurdità non merita la ben che minima considerazione… ma… come definire altrimenti la "calunnia"? Perché di CALUNNIA si tratta.

Chi mi ha criticata non ha mangiato nel mio stesso piatto, non ha dormito nel mio stesso letto… non sa neanche come sia fatta fisicamente… non ha condiviso che il Nulla con la sottoscritta… non conosce niente di me e della mia natura… quindi… non vedo perché affermare ciò. Lei/lui e chi come loro lo hanno anche solo pensato ciò… avranno da ora in poi un muro tra me e loro. Il muro dell'Indifferenza.
E di "scuse" riportate per quieto vivere e ritrattate in più occasioni... non so che farmene, per cui non le accetto.

Ora, mi rivolgo invece a chi è disposto a leggermi con occhio critico e a chi è disposto a “conoscermi”… attenzione, non mi sto giustificando… la mia coscienza è limpida e non ho bisogno di giustificarmi con nessuno… ma colgo l’occasione per farmi conoscere un po’ di più… come blogger e come persona.

Sono napoletana (fiera di esserlo naturalmente)… e noi a Napoli (come hanno commentato alcune) facciamo le “sceneggiate”… probabile… ma è la nostra natura, è nel nostro DNA! :)  

Cosa vuol dire per un napoletano fare una “sceneggiata napoletana”? 
Vuol dire, nel mio caso, rifiutarsi di partecipare ad un contest se vedo la categoria di cui mi ritengo far parte… messa allo sbaraglio. 
Vuol dire parlarne e discuterne con rispetto e maturità con colui che ha espresso commenti che non mi piacevano e non lo rinnego.
Vuol dire continuare a dire “no, non partecipo più mi dispiace”… fino alla frase “noi non cerchiamo testimonial, noi vogliamo premiare persone preparate e obiettive che sappiano ciò che scrivono”. 
Allora mi si è aperta una porticina. 
Ne discutevo su twitter quel giorno… e arrivò un commento di Shi che trasformò la porticina in porta… commento che più o meno suonava così: “sì anche a me certe affermazioni non sono piaciute, però non mi lascio influenzare… mi piacciono i prodotti e quindi partecipo”.
Shi avrà la metà dei miei anni… eppure “quanta saggezza”! 

Lì per lì… ho iniziato a pensare che forse ero stata troppo impulsiva… che al diavolo che l'organizzatore non mi era simpatico né lo approvavo… io amo gli smalti, amo creare… perché non provarli e poi dire la mia? Ok, li ho così provati e sono rimasta incantata dall’Opi DS “Magic”… felicemente sorpresa dall’Opi DS Radiance… conclusione?

“Per dindirindina però sono belli e sebbene il prezzo sia alto per le mie tasche è comunque proporzionato alla quantità di prodotto venduto… che faccio ora?” questo fu all’epoca il mio pensiero.

Soluzione A) dimostrare di essere coerente e rinunciare di partecipare al Concorso.
Soluzione B) riconoscere che i prodotti erano/sono validi… sfruttare l’occasione… ribadire a mr.Opi Italia che continuerò a dire la mia se certe sue affermazioni non mi piaceranno… riconoscere che lo scopo del concorso non era mr.Opi ma smalti da provare e con cui elaborare (con mia somma gioia).

Insomma, che fare?
Sono orgogliosa di natura… ma ho anche l’umiltà di capire quando impulsivamente sbaglio… partendo in quarta e atterrando in prima! 

Sapete che vi dico? Felicissima di aver scelto la soluzione B) … apparendo agli occhi di alcune “incoerente”. Dicono che l'incoerenza sia dei folli... bene, vi comunico di essere una folle... tra le peggiori forse.

Ora posso provare smalti che non potevo permettermi… ho conosciuto attraverso il contest persone stupende, tutte validissime e tutte degne di vittoria/menzione; ho scoperto la bravura, bellezza e parlantina di Ludovica di Colourfulvanity (mi fa troppo ridere!), ho legato con le "Non solo Kawaii" per me icone dell'Arte grafica, ho ammirato Wilma Make-up e Paola di Pallino Girl nei loro video sebbene non abbiano vinto... e vogliamo parlare della creatività e delle foto di Fanni? Per Laura di Tentazione Make-up e per Trendy Nail... non dico nulla, perché la mia stima verso di loro era già consolidata da tempo (Laura ha scritto 7 post... 7 per il Contest... una faticata enorme... eppure hanno tenuto da ridire anche sulla sua menzione... bah!) e ho rivalutato molto (e sottolineo molto) Mr. Opi.
Precedo le male-lingue - “Dea ma che bella sviolinata!” - …  eh no… non lo è.
Il mio è stato solo un lento capire che una persona può esasperarsi per le continue inesattezze pubblicate durante un contest… informazioni errate anche gravi… che se Mr. Opi americano avesse letto avrebbe potuto mettere mano a tutta la sua schiera di avvocati (cosa che sembra già sia accaduta in passato, in altra occasione... se non ricordo male).

Ho capito, grazie a Mr.Opi ad esempio, che la formaldeide è diversa dalla resina di formaldeide… e qui mai nessuno si era espresso chiaramente… ad eccezione di un comunicato di un’altra azienda. 

Mr. Opi Italia: sì non aveva la mia simpatia all'inizio... ma sbagliavo... non lo conoscevo ed ero carica di preconcetti (dettati anche dalla questione prezzi da me chiarita in occasione della review per il contest), eppure si è sempre comportato con me in modo egregio. Nonostante la mia acidità mi ha portato a riflettere su più punti… lasciandomi libertà di scelta sempre. E’ una persona disponibilissima e generosa… matura come pochi. Ha le sue idee come io ho le mie… e se in futuro ci troveremo ancora in disaccordo… lo si dirà tranquillamente, senza problemi e sempre con RISPETTO.
Ha instaurato con noi tutte un rapporto “umano”… affiatato, ironico e “familiare” e non tutti sono in grado di farlo. Riesce a capire l’importanza di noi blogger… del nostro ruolo nell'informazione... importanza di cui noi stesse a volte ci dimentichiamo.

Una blogger “seria”… si deve preoccupare soltanto d’informare nel modo più corretto, attingendo da fonti valide ed esprimendosi con obiettività ed educazione SEMPRE, senza screditare nessuno agli occhi altrui.
Non bisogna, comunque, dimenticare che un pensiero personale "obiettivo" resta pur sempre personale... cambiando da persona a persona (nel caso ad esempio della valutazione di un prodotto di make-up) e di questo dobbiamo tenerne sempre conto... sia noi blogger sia chi ci legge. 
Una blogger SERIA può esprimere certo il proprio disappunto, ma deve farlo con maturità, accettando con sportività qualsiasi responso nel caso di un Contest e continuando a fare ciò che ama fare: scrivere e comunicare!

Io stessa, al mio primo concorso, non ho vinto. Arrivai quinta al Concorso di Tartofraises… dove c’erano nail artist francesi del calibro di Sakura e di Azatoth. Ricordo che chiesi ad Astasia come aggiungere le decorazioni alle foto perché all’epoca ero ancora agli inizi, circa un anno e mezzo fa e non sapevo ancora farlo. Felicissima di quel 5° posto che non mi ha fatto vincere premi materiali... ma che ha messo in moto la mia ambizione a fare di meglio!

Un concorso serve a mettersi in competizione prima di tutto "con se stessi"... poi con gli altri. Serve a dirsi “ok di più non potevo fare!” e se non si vince… capire che magari quel “più” ancora manca… perché si è ancora “acerbi”… capire che bisogna crescere ancora… accettarlo e fare la “gavetta” che abbiamo fatto e facciamo tutti.

Altra frase assurda: “Tanto lei ha la reflex!”… io non ho la reflex… non posso ancora permettermelo. Chi ce l’ha? Astasia? Ma voi sapete quanti sacrifici economici una blogger fa per poi acquistare la reflex? Sapete quanti anni ha aspettato… smanettando come tutti con una normale digitale… a cui si è chiesto di fotografare l’impossibile… consumandola!?
 Ecco. Chi ha commentato… sa tutto questo? Io trovo vergognoso tutto ciò che di negativo sia stato detto "dopo"… magari mr. Opi non ha avuto un atteggiamento sempre “serioso”… ma è stato onesto… ha scelto ottimamente e qui nessuno può permettersi di dire “a”. La scelta alla fine era ciò che contava ed è stata più che giusta (e scusatemi ma m'includo nell'aggettivo "giusta").

Abbiamo avuto tutte la possibilità di testare smalti che molte di noi non avrebbero mai pensato di  provare… senza obbligarci a comprarne altri per partecipare. 
Io, davvero, se ci ripenso… mi ribolle ancora il sangue. Ma non ne voglio più parlare e non ne parlerò più. Dovevo dire la mia perché non sopporto la cattiveria gratuita di certa gente e non sopporto atteggiamenti simili.

Ho vinto per la categoria “Nail Art”… e si è dubitato pure dell’autenticità della mia creazione. Non so se altrove abbiano realizzato la mia stessa idea (vorrei saperlo però)… io, per conto mio, ho smesso di guardare nail art altrui da tempo… proprio per il timore di creare qualcosa di “troppo” simile ad altri. E semmai un giorno dovesse piacermi un’idea altrui… la riproporrò come ho fatto agli inizi… dando tutto il merito all’autrice originaria.

Arabesque” è nata dall’anima… dalla mia anima sognante nel vedere il colore di due smalti egregi e dal mio amore verso una cultura diversa da quella occidentale. Nulla di più… nulla di meno.

Ora, chi mi crede bene… chi non mi crede e continuerà a sputare veleno… che dire… lo faccia guardandosi allo specchio... così conoscerà il sapore del proprio veleno.

Come dico sempre… RISPETTO e UMILTA'… sono valori essenziali nella vita… valori, purtroppo, sconosciuti a molti.

Des ha proposto un’associazione per noi blogger… per quanto io stimi  Des… non ne farò parte.

Il blog è il mio mondo, non voglio dargli regole… bastano le mie di regole morali. 
Mi sentirei soffocata nel mio stesso "cosmo", perderei la mia "libertà" e "genuinità". 

Ho avuto un’educazione severa, con valori e principi forti. Mi basta per considerarmi una “blogger” a tutti gli effetti. Ho avuto un’ottima maestra-blogger: Astasia di Trendy Nail… per cui non credo mi manchi nulla.

Ho ancora tanto da imparare, nella Nail Art soprattutto… ma lo accetto e procedo verso la mia salita faticosa.
Sinceramente non m’interessa la cima… perché raggiunta la vetta, oltre a godermi per un po’ il panorama poi che farei? Mi annoierei terribilmente.

E le fatidiche aziende? Aziende spesso additate come "uomo nero"...
Io non ho molti contatti con le aziende, per scelta personale, non ho mai tempo per nulla!
Per pubblicare un articolo impiego una settimana (ecco perché ho partecipato alla fine del Contest, solo per mancanza di tempo … e ci ho lavorato per ben 10 giorni di fila tra review e nail art... e fino alla fine non sapevo se riuscivo in tempo a pubblicarne gli articoli). 
Per quei pochi contatti aziendali che ho ... mi ritengo fortunata… tutte persone squisite e comprensive che mi hanno sempre lasciato carta bianca nel dire la mia (in caso contrario non avrei mai accettato alcuna collaborazione). 

Non ho bisogno per ora e spero anche in futuro di un’associazione che tuteli la mia passione. Non credo di far del male a nessuno… e non credo (e spero!) che nessun’azienda e/o persona fisica ne voglia fare a me.

Del resto sono solo una piccola indifesa Dea dell’Amore :) …ma che non mi si faccia adirare… altrimenti mi trasformo in Dea della Giustizia.

Se poi un giorno capirò che l’associazione è davvero necessaria… farò “mea culpa” come nel caso del contest e ritornerò sui miei passi. Nulla contro Des, per cui la mia stima resta immutata, le nostre sono solo opinioni diverse.

Bene, ho finito per stasera… e come dice un caro amico… namasté a voi tutti.


Ops… dimenticavo…spero che “il tutto” vi sia piaciuto. 

 Ringrazio la Fabyline, distributrice in Italia degli smalti Opi, per avermi dato la possibilità di provare gli Shatter by Opi (che presto recensirò), in qualità di vincitrice del Contest per la sezione "Nail Art".

Bisous,
Soffio di Dea

- I prodotti usati per questa Nail Art fanno parte del premio ricevuto in qualità di vincitrice per la categoria "Nail Art" del I° Contest Blog organizzato da OPI Italia. Non ho ricevuto alcuna remunerazione dall’azienda per questa creazione né sono stata obbligata a usarne i prodotti; è stata una mia libera scelta. Tutti i giudizi da me espressi, in questo articolo e su questo blog, riflettono la mia sincera opinione, frutto della mia esperienza personale e in alcun modo influenzata da eventuale tester/premio ricevuto -

You May Also Like

28 commenti